CRANACH. L’ALTRO RINASCIMENTO. GALLERIA BORGHESE ROMA

Venere e Amore che reca il favo di miele di Cranach appartiene alla collezione della Galleria Borghese dove, assieme ad altre 45 opere, è allestita l’ attuale mostra “Cranach. L’altro Rinascimento” sull’artista tedesco.

Si tratta della nota figura slanciata con cappello appoggiata a un albero che rappresenta una Venere ben diversa dall’iconografia dei pittori italiani, verso i quali, tuttavia, Cranach ebbe grande ammirazione venendo in contatto, lui pittore di corte dei monarchi di Sassonia, soprattutto con Tiziano, il maggiore ritrattista degli Asburgo.

Obiettivo della mostra è proprio quello di indagare il rapporto fra l’opera di Cranach (1472-1553) e l’arte del rinascimentale di pittori quali Francesco Francia, il Perugino, Palma il Vecchio, e tra altri, Lorenzo Lotto, Bellini, Cima da Conegliano e Raffaello in un singolare rapporto dialettico.

La mostra, curata dal Prof. Bernard Aikema, studioso dell’arte rinascimentale tedesca ed europea e da Anna Coliva, Direttrice della Galleria Borghese, sarà visibile fino al 13 febbraio 2011.

Cranach (1472‐1553) amico e sostenitore di Lutero, di cui dipinse il famoso ritratto, inserì nella pittura tedesca altri soggetti tra cui i nudi distinguendosi anche dall’altro grande contemporaneo Albrecht Durer.

“La tipologia è sempre la stessa: figurine eleganti dai corpi flessibili e apparentemente privi di struttura ossea, creature decorative, dalla pelle liscia e bianchissima e dall’aspetto vagamente inquietante, quasi una sequenza ininterrotta di “Lolite”, ma con attributi iconografici ogni volta diversi. Diversi perché Cranach inserisce le sue fanciulle in tutta una serie di tematiche (pseudo) religiose e profane, in parte tradizionali e in parte nuove, ma tutte o quasi prodotte in quantità pressoché industriali dalla sua attivissima bottega. Fra questi soggetti figurano il Giudizio di Paride – anch’esso proposto per la prima volta in una silografia, del 1508 –, le Tre Grazie, Venere con Cupido ladro di miele, la Ninfa in un paesaggio, ma anche Lucrezia in molteplici pose e riprese, Apollo e Diana, Adamo ed Eva”.

I rapporti complessi di Cranach sono messi confronto col mondo pittorico italiano con opere di Bellini, Lotto, di Cima da Conegliano e Tiziano.

Completano il percorso dieci xilografie che dimostrano la grande  creatività di Cranach anche nella grafica.

.“Cranach. L’altro Rinascimento”, Galleria Borghese, Piazzale Scipione Borghese. 5 Roma, http://www.mostracranach.it Fino al 13 febbraio.

da martedì a domenica, 9 – 19, : lunedì chiuso.

La prenotazione è obbligatoria al tel. 06 32810 – www.ticketeria.it.

INFO: www.mondomostre.it

UFFICIO STAMPA

Anna Valerio e‐mail: artirm.uffstampa@arti.beniculturali.it

MondoMostre ‐ Sveva Fede e‐mail: ufficiostampa@mondomostre.it

MondoMostre – Federica Mariani e‐mail: ufficiostampa@mondomostre.it

Informazioni su annamariadipaolo

ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
Questa voce è stata pubblicata in ARTE antica. Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...