RICCARDO SCHWEIZER PITTORE – DESIGNER ALLA FONDAZIONE QUERINI STAMPALIA DI VENEZIA

Riccardo Schweizer Pittore – Designer

Venezia, Fondazione Querini Stampalia

 Tra qualche giorno Venezia sarà il centro di un’orgia di mostre sia nell’ambito della 54.a Biennale d’Arte ai Giardini e all’Arsenale sia nel contesto di eventi concomitanti in altri luoghi prestigiosi della città. Tra questi c’è la Fondazione Querini Stampalia che, nelle eleganti sale progettate da Carlo Scarpa, ospiterà di Riccardo Schweizer, artista trentino , una mostra promossa dalla Provincia Autonoma di Trento e

patrocinata dal Mart, Museo di arte moderna e contemporanea di Trento e Rovereto.

La lunga e composita sua ricerca che rispecchia tanto gli elementi della terra d’origine, Primiero, aspra nelle forme e maestosa nelle dimensione delle montagne, quanto l’influenza ricevuta dalla frequentazione di Picasso, esprime un profondo e commosso lirismo.

Di Schweizer, artista eclettico, sono state scelte 50 opere, dagli anni Cinquanta agli anni Ottanta, tra sculture in cemento, terrecotte, vetrate edipinti anche d’impronta picassiana. L’artista non disdegnò, inoltre, di eseguire opere murali e pannelli in ceramica come quello progettato per le nuove terme di Levico nel 1965 e col quale inaugurò un legame settennale con la Ceramica Pagnossin, industria di Treviso e, tra altre, la decorazione del Palazzo dei Congressi e del Cinema di Cannes nel 1982.

L’ universo creativo di Schweizer rivela dunque non solo la sua “industriosità artigianale di estrazione popolare della sua valle” ma si inserisce anche in una tradizione futurista del “fare totale”, passata dal Trentino attraverso la vicenda di Fortunato Depero”.

Riccardo Schweizer, nato nel 1925 a Mezzano, nelle valli trentine del Primiero, nel 1950, dopo un periodo di studi a Venezia, si trasferì a Vallarius per conoscere Picasso, diventando presto il più precoce e sensibile interprete italiano della lezione del maestro spagnolo nel secondo dopoguerra e tornò tra le sue valli del Trentino, a Casez in Val di Non, Trento, dove è morto nel 2004.

La mostra, nata da un progetto di Barbara Schweizer e a cura di Elisabetta Barisoni, sotto la Direzione scientifica Gabriella Belli, si avvale di un Catalogo Silvana Editoriale, a cura di Elisabetta Barisoni con un testo di Federico Bucci.

 Anna Maria Di Paolo©

Riccardo Schweizer Pittore- designer. Venezia, Fondazione Querini Stampalia, Castello 5252, Campo S. Maria Formosa, Rialto linee 1 e 2 ACTV

 Dal 31 maggio al 27 novembre 2011

Orario di apertura: da martedì a domenica 10-18, lunedì chiuso

Tariffe: intero euro 10; ridotto euro 8

www.querinistampalia.it/

www.mart.trento.it/

Annunci

Informazioni su annamariadipaolo

ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
Questa voce è stata pubblicata in ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA. Contrassegna il permalink.