BIENNALE DI VENEZIA. ILLUMINAZIONI:L’ARTE E LA COMUNITA’, UN DIALOGO FILOSOFICO

Beppe  Bonetti, Sfera blu, Isola di S.Servolo

Al via domani 1° ottobre Meetings on Art, una serie di conversazioni parte integrante della 54. Esposizione Internazionale d’Arte ILLUMInazioni curata da Bice Curiger e organizzata dalla Biennale di Venezia presieduta da Paolo Baratta. Le conversazioni, che sono state precedute da due incontri con Laurie Anderson a luglio e con Patti Smith e Karl Holmqvist a settembre, si svolgeranno dal 1° ottobre fino al 27 novembre, ultimo giorno d’apertura della mostra.

 

L’obiettivo di Meetings on Art è approfondire alcune delle tematiche, delle intuizioni e delle suggestioni proposte dalla mostra ILLUMInazioni e aprire un vasto spazio di riflessione all’interno della 54. Esposizione. Gli incontri saranno organizzati nel cuore della mostra – l’Arsenale – per rivolgersi direttamente al pubblico così numeroso della Biennale Arte composto, oltre che da addetti ai lavori, da appassionati, studenti e visitatori di ogni età, formazione e provenienza.

“Con i Meetings on Art vogliamo confermare il ruolo della Biennale di Venezia – afferma Paolo Baratta – quale istituzione aperta alla conoscenza e allo spirito di ricerca, degna di un grande pellegrinaggio. Qui, tra le opere degli artisti e nel lavoro dei curatori, si incontrano le voci del mondo che ci parlano del loro e del nostro futuro. L’arte è qui intesa come attività in continua evoluzione.”

Questa piattaforma di scambio, dialogo e analisi è animata da artisti, filosofi, scrittori, teologi, storici dell’arte, curatori, direttori di musei e critici nel tentativo di affrontare i temi proposti con prospettive diverse e inedite.

“Ciò che accomuna gli incontri di Meetings on Art – sostiene Bice Curiger – è la volontà di creare una tensione positiva, una dialettica produttiva tra elementi che nel comune discorso sull’arte vengono considerati opposti o, addirittura, contrastanti: l’eredità del passato rappresentata da Tintoretto e la creazione contemporanea; il ruolo del curatore e quello dello storico nel mondo dell’arte di oggi; la globalizzazione e l’identità nazionale; il lavoro del curatore in una Biennale d’Arte e la sua funzione in un museo.”

L’appuntamento del 1° ottobre sarà un dialogo filosofico tra due studiosi italiani Carlo Sini e Tommaso Tuppini, anche autore di un testo nel catalogo della mostra. In questo incontro verrà ribaltato metaforicamente l’espediente grafico del titolo ILLUMInazioni, che ha permesso – grazie al falso suffisso “nazioni” – un’estensione semantica del termine in illumiNAZIONI. L’enfasi sarà posta, infatti, sul concetto di nazione in quanto comunità,o cultura in senso etnologico in opposizione alla realtà storica dello Stato-nazione.

La dialettica tra nazioni e globalizzazione sarà applicata al mondo dell’arte nell’incontro del 19 novembre che vedrà la partecipazione di due curatori e studiosi stranieri, Nicolas Bourriaud e Marta Kuzma, e del direttore del MAMbo di Bologna, Gianfranco Maraniello. I tre relatori cercheranno di far luce sulla prospettiva che accomuna molti artisti contemporanei, sempre più migranti consapevoli e turisti della cultura, e sulla loro esperienza caratterizzata da precarietà e vagabondaggio.

I Meetings del 22 e 29 ottobre si focalizzeranno sulla presenza di Tintoretto alla Biennale Arte 2011, sulla sua funzione di nume tutelare dell’intera mostra in quanto pittore della luce per eccellenza, sugli effetti di un dialogo serrato tra arte antica e creazione contemporanea. I due incontri saranno animati da storici, critici e artisti che a vario titolo analizzeranno l’opera di Tintoretto – Achille Bonito Oliva, Roland Krischel, Renato Barilli, Giandomenico Romanelli, Cecilia Canziani, Pericle Guaglianone e Haroon Mirza (autore di installazioni video e sonore e vincitore del Leone d’argento per un promettente giovane artista in ILLUMInazioni) – insieme al Presidente della Biennale Paolo Baratta, alla scrittrice Melania Mazzucco (autrice di due libri dedicati a Tintoretto) e a Padre Norberto Villa (Abate della Basilica di San Giorgio Maggiore da cui proviene l’Ultima Cena esposta al Padiglione Centrale).

Il 20 novembre l’incontro dal titolo La definizione di una nuova soggettività: la fotografia da Luigi Ghirri ad Annette Kelm è incentrato sul mezzo e sul linguaggio fotografico e vede la partecipazione dei critici David Campany, Giovanni Carmine e Daniela Salvioni e dell’artista Shirana Shahbazi.

Gli incontri del 26 e 27 novembre avranno come titolo Parliamo di noi e si svolgeranno in tre sessioni centrate sulle differenze e le similitudini del curatore di Biennale e del curatore di museo e su un bilancio delle cinque ultime edizioni della Biennale Arte. A confrontarsi con il Presidente Paolo Baratta e Bice Curiger sono invitati curatori di livello internazionale e di diverse generazioni che hanno ricoperto nella loro carriera uno o entrambi i ruoli: Germano Celant, Massimiliano Gioni, Hans Ulrich Obrist, Letizia Ragaglia, Diana Baldon, Giovanni Carmine, Okwui Enwezor e Beatrix Ruf e Vicente Todoli. Il titolo delle prime due sessioni del 26 novembre, Blockbuster o Betablocker, è un omaggio a Harald Szeemann che da direttore della 48. e 49. Esposizione Internazionale d’Arte ha dato un nuovo impulso alla Biennale Arte sotto la prima presidenza di Paolo Baratta. Szeemann usava il termine “betablocker”, che normalmente indica un farmaco che migliora la capacità di rilassamento del cuore, per indicare quelle opere d’arte che hanno una funzione calmante, anestetizzante e rilassante. In questi due appuntamenti ci si chiederà qual è la funzione del curatore, una figura à metà strada tra l’autodidatta e l’accademico, e quali sono i punti di riferimento per una professione priva di una tradizione ben definita e di una storia scritta. La discussione si concentrerà sulla tensione positiva che esiste tra l’istituzione museo e le Biennali.

Nell’ultimo incontro che si terrà il 27 novembre, giorno di chiusura della 54. Esposizione, la domanda Che cosa abbiamo combinato?! sarà rivolta dai relatori a se stessi e al lavoro svolto come direttori della più antica e prestigiosa delle biennali d’arte. Il Presidente Baratta e la direttrice Curiger si confronteranno con i direttori delle ultime edizioni: Francesco Bonami (2003), Maria de Corral e Rosa Martinez (2005), Robert Storr (2007) e Daniel Birnbaum (2009).

Il primo Meeting on Art in programma a Ca’ Giustinian è ad ingresso libero. Il programma potrà subire integrazioni e modifiche che verranno tempestivamente comunicate. Gli altri appuntamenti sono accessibili al pubblico che visita la 54. Esposizione, in possesso del titolo di ingresso il giorno dell’incontro, fino a esaurimento posti disponibili. Biglietto intero € 20,00 – Ridotto € 16,00 – Studenti / Under 26 € 12,00. I biglietti sono validi per un ingresso all’Arsenale e uno ai Giardini.

­­­­­­­­­­Il programma degli incontriSabato 1 ottobre 2011 – Sala delle Colonne, Ca’ Giustinian, ore 15

illumiNAZIONI: l’arte e la comunità, un dialogo filosofico

Relatori: Carlo Sini e Tommaso Tuppini

 

Sabato 22 ottobre 2011 – Teatro alle Tese, Arsenale, ore 15

Tintoretto e la Biennale: gli effetti di una nuova contestualizzazione

Relatori: Achille Bonito Oliva, Cecilia Canziani, Pericle Guaglianone, Roland Krischel e Haroon Mirza

 

Sabato 29 ottobre 2011 – Teatro alle Tese, Arsenale, ore 15

Tintoretto e la Biennale: il pittore della luce e la Biennale delle Illuminazioni

Relatori: Paolo Baratta, Renato Barilli, Melania Mazzucco, Giandomenico Romanelli e Abate Norberto Villa

 

Sabato 19 novembre 2011 – Teatro alle Tese, Arsenale, ore 15

L’arte oggi: tra globalizzazione e nazioni, stanzialità e nomadismo

Relatori: Nicolas Bourriaud, Marta Kuzma e Gianfranco Maraniello

 

Domenica 20 novembre 2011 – Teatro alle Tese, Arsenale, ore 15

La definizione di una nuova soggettività: la fotografia da Luigi Ghirri ad Annette Kelm

Relatori: David Campany, Giovanni Carmine, Daniela Salvioni e Shirana Shahbazi

 

Sabato 26 novembre 2011 – Teatro alle Tese, Arsenale, ore 14.30-16.30

Parliamo di noi

Sessione 1 Blockbuster o Betablocker: curatore di Biennale, curatore di museo

Relatori: Paolo Baratta, Bice Curiger, Germano Celant, Massimiliano Gioni, Hans Ulrich Obrist e Letizia Ragaglia

 

Sabato 26 novembre 2011 – Teatro alle Tese, Arsenale, ore 17-19

Parliamo di noi

Sessione 2 Blockbuster o Betablocker: curatore di museo, curatore di Biennale

Relatori: Paolo Baratta, Diana Baldon, Giovanni Carmine, Okwui Enwezor, Beatrix Ruf e Vicente Todoli

 

Domenica 27 novembre 2011 – Teatro alle Tese, Arsenale, ore 14.30

Parliamo di noi

Sessione 3 Che cosa abbiamo combinato?!

Relatori: Paolo Baratta, Bice Curiger, Francesco Bonami, Daniel Birnbaum, Maria de Corral, Rosa Martinez e Robert Storr

 

 

Informazioni

Ufficio stampa Arti visive

la Biennale di Venezia

T +39 041 5218 – 849/846/716

infoartivisive@labiennale.org

http://www.labiennale.orgwww.labiennalechannel.org

Facebook: La Biennale di Venezia. Twitter: la_Biennale

Annunci

Informazioni su annamariadipaolo

ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
Questa voce è stata pubblicata in ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA. Contrassegna il permalink.