L’età del …

 

L’età del Rame (3400 – 2200 a.C.),

 

una mostra al Museo Diocesano di Brescia

Image

 

 

 

In riferimento all’uso dei metalli, Esiodo nelle “Opere ed i giornienumera cinque età: argento, dell’oro, del rame e del bronzo, l’età dei semidei e infine del ferro.

 

Nel primo sviluppo della metallurgia, i minerali di rame, come la malachite, il turchese o il pigmento dell’ azzurrite furono usati per oggetti di ornamento soprattutto in Medio Oriente da cui si diffuse verso l’Europa centrale e nell’area mediterranea di Cipro, Spagna, Toscana e Sardegna, coi vasi campaniformi, così denominati per la forma dei vasi trovati nelle tombe di quella civiltà. L’età Imagedel Vaso Campaniforme, quindi, sarà documentata coi ritrovamenti in provincia di Brescia delle due importanti sepolture di S. Cristina di Fiesse e di Ca’ di Marco, a cui saranno affiancate le tombe di recente scoperta a Parma.

 

Per la ricostruzione dell’età del Rame, comunque, è stata fondamentale, in area padana, la scoperta della necropoli di Remedello Sotto, in provincia di Brescia, 128 anni fa a cui sono seguite quelle di Volongo, in provincia di Brescia, Fontanella Mantovana, Cumarola e Spilamberto, in provincia di Modena, Bologna, Forlì e Cesena e in altre località della pianura padana, molto ricche di manufatti.

 

La mostra L’età del Rame darà conto di queste e di altre coinvolgenti testimonianze, quali le statue-menhir che, insieme alle incisioni rupestri della Valcamonica, forniscono un’ iconografia fondamentale per la comprensione delle nuove concezioni religiose e del culto degli antenati oltre che della rappresentazione antropomorfica delle divinità.

 

La mostra documenterà tali cambiamenti, che si diffusero dalla regione alpina nella penisola iberica e a nord del Mar Nero, anche con i ritrovamenti avvenuti al giogo di Tisa, al confine tra Italia e Austria nel 1991 e 1992, con copie dei materiali e con la ricostruzione dell’uomo del Similaun, a grandezza naturale. Sorprendenti saranno le recenti analisi del DNA condotte sulla mummia da cui si è potuto inquadrare l’appartenenza al gruppo della popolazione europea, l’ aspetto paleopatologico, lo stato di salute e le cause che ne determinarono la morte a 3150 m di quota. Particolare attenzione sarà posta nel confronto tra i materiali, come l’ascia in rame, le cuspidi di freccia, e il pugnale in selce, posseduti da Ötzi e quelli relativi alla cultura di Remedello.Image

L’età del rame, insomma, che, prima del bronzo e del ferro, servì per costruire oggetti di culto, di uso quotidiano e poi anche per uso bellico, frecce e spade, modificò sostanzialmente la vita economica e sociale dell’uomo. Lo sviluppo della metallurgia del rame, infatti, che spesso era in lega con l’arsenico, fece progredire l’agricoltura e l’allevamento per l’invenzione della ruota, che si diffuse dalla Mesopotamia, del carro a quattro ruote, dell’aratro, e poi per l’aggiogamento degli animali da trazione.

Si tratta dunque di una mostra non soltanto per esperti ed appassionati, ma anche per gli studenti che avranno l’occasione di conoscere le nuove scoperte delItalia settentrionale.

 

Promossa, in collaborazione con le diverse Soprintendenze e la Fondazione CAB, da un Comitato scientifico presieduto dallo studioso Raffaele De Marinis, l’esposizione si terrà al Museo Diocesano di Brescia, sede non casuale per le rilevanti testimonianze degli insediamenti dell’età del rame in Italia, in primis la necropoli di Remedello. Ci sarà, infine, un collegamento con età del Bronzo, tra 2200 e 2070 a.C. con l’insediamento delle palafitte sulle rive del lago di Garda, illustrato da ceramiche e manufatti di metallo, in osso, corno, selce dal Lavagnone di Desenzano del Garda, e da Polada, in comune di Lonato, nonché dai ripostigli di asce a margini rialzati di Remedello Sopra e di Torbole Casaglia (BS). Dopo l’esposizione di archeologia bresciana del 1875 promossa dall’Ateneo di Brescia, sarà la prima volta che materiali di Polada, della collezione Rambotti, ritorneranno a essere esposti a Brescia.

Anna Maria Di Paolo

L’età del Rame. La pianura padana e le Alpi al tempo di Ötzi. Brescia, Museo Diocesano (via Gasparo da Salò 13), 26 gennaio – 15 maggio 2013. Orario: 9 /12, 15/ 18, mercoledì chiuso. Ingresso: intero euro 5, ridotti euro 2,50. Scolaresche ingresso gratuito.

Informazioni e prenotazioni: Museo Diocesano tel 030-40233, fax 030-3751064; segreteria.etadelrame@gmail.com

Ufficio Stampa: Studio ESSECI, Sergio Campagnolo tel. 049.663499 info@studioesseci.net


 

 

 


 


Annunci

Informazioni su annamariadipaolo

ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
Digressione | Questa voce è stata pubblicata in ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA. Contrassegna il permalink.