AUTORITRATTO di LEONARDO a PALAZZO MADAMA

AUTORITRATTO di LEONARDO

a PALAZZO MADAMA

Leonardo_self

L’AUTORITRATTO di LEONARDO, un disegno a sanguigna su carta di 33,5×21,6 cm, conservato nella Biblioteca Reale di Torino sarà esposto a Palazzo Madama per poco più di un mese.

Questo celebre autoritratto è l’unico sicuro dell’Artista, e viene datato verso il 1515, quindi nei suoi ultimi anni di vita, quando viveva in Francia, al servizio di Francesco I.

L’opera entrò nelle collezioni Savoia, per acquisto, quando insieme al corpus di disegni e appunti fu disperso dai discendenti bergamaschi di Francesco Melzi, fidatissimo allievo a cui Leonardo (1452- 1519 ), prima di morire, aveva donato tutte le sue opere, come esecutore testamentario.

L’ autoritratto, infatti, faceva parte di una vasta collezione che nel 1839 il re Carlo Alberto di Savoia, collezionista entusiasta, acquistò da Giovanni Volpato, un mercante d’arte, per la somma 70.000 lire piemontesi. Per il tempo era una cifra astronomica che il Re pagò, a rate, per otto anni.

L’autoritratto mostra Leonardo da vecchio, con capelli e barba lunghi, dall’espressione pensierosa e quasi distante.

Ma era stato in gioventù come lo descrive, ad esempio, Anonimo Gaddiano: «[La Natura] non solo della bellezza del corpo, che molto bene gli concedette, volse dotarlo, ma di molte rare virtù volse anchora farlo maestro. […] Era di bella persona, proportionata, gratiata et bello aspetto. portava uno pitocco rosato corto sino al ginocchio, che allora s’usavano i vestiri lunghi, haveva sino al mezo in petto una bella capellaia et anellata et ben composta».

Della preziosità e unicità del disegno è inutile dire, basti ricordare però che durante la seconda guerra mondiale fu l’unica opera ad essere trasferita segretamente a Roma per impedire che i tedeschi lo rubassero. Una curiosità: ancora non si sa dove fu tenuto nascosto.

La conservazione, comunque, nel tempo, ha creato danni all’opera in quanto la carta è fragile ed è stata macchiata, purtroppo, da “ fioritura”, macchie pigmentate irregolari. Lo stato di delicatezza dell’Autoritratto è tale che si è deciso di non esporlo nella grande mostra su Leonardo che si sta tenendo al Palazzo Reale di Milano. *

Per arginarne il degrado è stato così costruito un caveau, con luce a fibre ottiche, temperatura di 20° e umidità del 55 per cento, che conserva questo ed altri capolavori.

Questa sorprendente esposizione rappresenta, pertanto, un’ occasione più unica che rara per vedere l’opera.

Anna Maria Di Paolo

Visibile dalle 10 alle 18 di tutti i giorni, escluso il lunedì.

Palazzo Madama, Piazza Castello, Torino

tel.+39 0114433501

http://www.palazzomadamatorino.it

palazzomadama@fondazionetorinomusei.it

https://annamariadipaolo.wordpress.com/2015/04/16/leonardo-1452-1519-il-disegno-del-mondo-milano-palazzo-reale/

Informazioni su annamariadipaolo

ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
Questa voce è stata pubblicata in ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA. Contrassegna il permalink.