Monica Vitti, Recitare è un giocoINCONTRI DI PALCOSCENICOIl racconto

Monica Vitti, Recitare è un gioco
INCONTRI DI PALCOSCENICO

Il racconto


Nell’ambito della rassegna “Incontri di palcoscenico”, organizzata dalla Fondazione Musei Civici di Venezia a Casa Goldoni, martedì 14 giugno alle ore 17.20 verrà presentato il volume Monica Vitti, Recitare è un gioco di Chiara Ricci, che rende omaggio ad una delle attrici italiane più amate e apprezzate al mondo.
Dopo aver scritto di Anna Magnani, Elvira Notari, Alberto Lionello e Valeria Moriconi Chiara Ricci – scrittrice, critica e storica del Cinema e del Teatro – torna con un nuovo volume dedicato a Monica Vitti nel quale la celebre attrice romana, al secolo Maria Luisa “Marisa” Ceciarelli, viene raccontata attraverso interviste, materiale di repertorio, di ricerca e di studio, da cui emergono la genialità, la simpatia e la forza di un’interprete che al cinema è passata con altrettanta bravura dal dramma alla commedia, lavorando con registi quali Michelangelo Antonioni e Mario Monicelli, Ettore Scola e Dino Risi e conquistando la fama e il successo in Italia e all’estero.

Ampio spazio viene poi dedicato anche ai suoi ruoli teatrali e televisivi, in uno straordinario percorso artistico che le ha fatto meritare il costante apprezzamento della critica e l’amore incondizionato del pubblico.

Ne esce il ritratto di un’attrice che nella sua carriera non ha mai perso il senso del “gioco” e che grazie alla sua intensità di interprete e la prorompente ironia è riuscita a imporsi sia in ambito drammatico che comico, trasformando il suo talento in vera e propria “Arte”.

Casa editrice AG Book Publishing, Roma, 2016
A.M.D.P.
PRESENTAZIONE VOLUME

Venezia, Casa di Carlo Goldoni

Martedì 14 giugno 2016, ore 17.20

Sarà presente l’autrice

Ingresso su invito fino a esaurimento dei posti disponibili
FONDAZIONE MUSEI CIVICI DI VENEZIA

INFO. Riccardo Bon, press@fmcvenezia.it

  

 

  

 

  

Informazioni su annamariadipaolo

ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
Questa voce è stata pubblicata in ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA. Contrassegna il permalink.