CARLO MATTIOLI. Labirinto della Masone di Fontanellato, Parma



CARLO MATTIOLI

Labirinto della Masone di Fontanellato, Parma





Carlo Mattioli, 1911- 1994, nacque a Modena e frequentò a Parma l ‘Istituto di Belle Arti.

Protagonista dei suoi dipinti e’ stata la moglie Lina di cui realizzò i primi ritratti e i nudi. Si dedicò anche alla grafica con varie illustrazioni degli anni Sessanta continuando nella pittura ad ispirarsi alla natura, ai classici come Caravaggio e alla poesia degli amici come Attilio Bertolucci e Mario Luzi in una sintesi estetica tra antico e moderno.


Ora, al Labirinto della Masone a Fontanellato, Parma, a Carlo Mattioli viene dedicata una mostra, curata dalla Fondazione Franco Maria Ricci e Archivio Mattioli.



Mattioli è stato una figure rilevanti nell’arte italiana del Novecento. 

Le sessanta opere che costituiscono la mostra sono in gran parte inedite, scelte nella vasta produzione del pittore da Sandro Parmiggiani e Anna Zaniboni Mattioli, nipote dell’artista e responsabile dell’Archivio.


Le opere vanno dal 1961 al 1993 e comprendono Nudi e Nature morte, i rivisitati Cestini del Caravaggio, i poetici Alberi e i personalissimi Ritratti, i Paesaggi e Spiagge della Versilia, i Campi di grano e papaveri e le Aigues Mortes, forme e colori vibranti di visioni aeree che indagano il filo rosso che collega l’organico e l’inorganico, la vita e la morte.

La poetica di Mattioli, infatti, è contraddistinta da un velo di poesia e di stupore per tutte le manifestazioni della natura e del mondo. 




L’esposizione si collega anche all’uscita del Catalogo Generale dei dipinti, realizzato da Franco Maria Ricci con la prefazione di Enzo Bianchi, fondatore della Comunità di Bose, i testi critici di Vittorio Sgarbi e Marco Vallora e la biografia aggiornata dell’artista a cura di Marzio Dall’Acqua. Contiene inoltre la bibliografia completa, l’indice di tutte le esposizioni personali e collettive, l’elenco di tutti i 2700 dipinti schedati e circa 150 riproduzioni a colori di grandi dimensioni delle opere più rappresentative dell’artista, selezionate dall’Editore stesso. 




Una mostra collaterale: Nella pagina e nello spazio. Mattioli illustratore e scenografo! A cura delle Istituzioni di Parma e dell’Archivio Mattioli, è in programma, inoltre, alla Biblioteca Palatina di Parma dove saranno esposti i libri, vere edizioni d’arte, affiancate dai disegni originali realizzati da Mattioli per la casa editrice Guanda negli anni Quaranta e Cinquanta. E per la prima volta saranno esposte bozzetti di scene e costumi di un inedito Mattioli artista per il teatro. 

È visitabile infine anche lo Studio Museo del pittore nel Secentesco Palazzo Smeraldi, accanto al Duomo di Parma, in cui aleggia il suo spirito originale così come l’Artista lo ha lasciato: le tavolozze, i pennelli, la giacca imbrattata di mille colori, i tubetti ancora aperti e le opere compiute ed incompiute.

A tale proposito ho un delicato e bellissimo ricordo di quando, mi sembra fosse attorno al 1986, ebbi la fortunata occasione di visitare questo studio dove, accanto alle sue ultime opere, Mattioli, ci mostró, soltanto alla fine della visita, un quadro appoggiato su una servante, ancora coperto da un leggero telo che, da lui tolto, rivelò un Crocifisso, soggetto sacro ancora insolito nella sua ricerca che aveva realizzato, con modestia e umiltà, in ricordo della moglie scomparsa.




La mostra dedicata a Carlo Mattioli rappresenta, in sintesi, un’ occasione per ripensare globalmente alla sua straordinaria, semplice e raffinata ricerca.

 


Anna Maria Di Paolo



MATTIOLI al Labirinto della Masone di Fontanellato, Parma, dal 27 maggio al 24 settembre 2017



Ufficio Stampa Archivio Carlo Mattioli
lucia@luciacrespi.it


 

Annunci

Informazioni su annamariadipaolo

ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
Questa voce è stata pubblicata in ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA. Contrassegna il permalink.