La Biennale di Venezia / L’Archivio Storico della Biennale accoglierà il “Fondo Palazzo Grassi – 1984-2005”

La Biennale di Venezia /

L’Archivio Storico della Biennale

accoglierà il “Fondo Palazzo Grassi – 1984-2005”

L’Archivio Storico della Biennale de La Biennale di Venezia accolglierà, in comodato d’uso gratuito, il “Fondo Palazzo Grassi – 1984-2005”, grazie ad un accordo che ingloba il complesso della documentazione originale di Palazzo Grassi all’epoca della gestione FIAT, dal 1984 al 2005.

I materiali del“Fondo Palazzo Grassi – 1984-2005”, riordinati e modernizzati a partire dal 2009, finora in accessibili, saranno consultabili da studiosi e ricercatori per scopi scientifici.

Si continuerà, inoltre, l’ inventario e il riordino, secondo modalità condivise tra l’Archivio Storico della Biennale e Palazzo Grassi.

I beni verranno consegnati all’Archivio Storico della Biennale entro la fine dell’anno e allogati nel Parco Scientifico Tecnologico VEGA, via delle Industrie 23/9, Porto Marghera, Venezia.

L’accordo coincide con l’appuntamento di studi dedicato alla storia di Palazzo Grassi, teso a far luce sull’intera vicenda storica, dai suoi albori sino a oggi, per dimostrarne l’eccezionale visionarietà e capacità sperimentale. Il primo atto del ciclo Palazzo Grassi e la storia delle sue mostre ha avuto luogo nel Teatrino di Palazzo Grassi, su un progetto a cura di Stefano Collicelli Cagol ed è stato interamente prodotto da Palazzo Grassi con l’obiettivo di far luce sulle vicende espositive che vi hanno avuto luogo tra gli anni Cinquanta e Sessanta.

Si tratta di cento metri lineari di documenti cartacei, tecnici e autografi connessi alle esposizioni di Palazzo Grassi relativi a 20 anni di storia e di arte contemporanea.

Sono state quaranta le esposizioni organizzate tra il 1984 e il 2005, tra cui alcune memorabili come Futurismo e futurismi del 1986, la personale di Jean Tinguely Una magia più forte della morte del 1987, Andy Warhol. Una retrospettiva nel 1990, Marcel Duchamp (1993), Balthus (2001-2002) e Salvador Dalì (2004-2005), poi allestita negli Stati Uniti presso il The Philadelphia Museum of Art.

Documenti autografi di Robert Rauschenberg, Eugène Ionesco, John Cage, Gae Aulenti, e altre personalità del mondo della cultura, dell’imprenditoria e uomini politici quali Georges Pompidou e Gianni Agnelli sono conservate infine tra le carte del fondo; un patrimonio ragguardevole che andava giustamente ancor meglio tutelato e studiato.

Anna Maria Di Paolo

La Biennale di Venezia . Info http://www.labiennale.org

Annunci

Informazioni su annamariadipaolo

ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
Questa voce è stata pubblicata in ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA. Contrassegna il permalink.