Ad Abano Terme omaggio a “Robert Capa. Fotografie oltre la guerra”

Henri Matisse in his studio, Nice, France, August 1949 © Robert Capa © International Center of Photography / Magnum Photos

Capa e’ un grande fotografo con una personalità composita come il variegato interesse per i soggetti delle sue vibranti immagini.

Straordinario interprete di ben cinque grandi conflitti ( La guerra civile spagnola (1936 – 1939) La seconda guerra Sino-Giapponese (1938) Seconda Guerra Mondiale (1941 – 1945) Guerra Arabo – Israeliana (1948) e Prima guerra d’Indocina (1954) ) di cui testimonió il dramma e la sofferenza, Capa è stato anche un raffinato testimone della cultura dei suoi anni fotografando celebri personaggi come Picasso, Hemingway e Matisse realizzando l’ essenza della loro personalità.

Ed è proprio su questo aspetto che Abano Terme a Villa Bassi Rathgeb dedica un omaggio a “Robert Capa. Fotografie oltre la guerra” , una mostra originale con cento sue fotografie poco conosciute.
L’ esposizione, curata da Marco Minuz e promossa dal Comune di Abano, ha pertanto l’obiettivo di oltrepassare la sua indubbia centralita’ di fotografo di guerra per far conoscere altresì
i suoi reportage dedicati a film importanti come ad esempio Notorius di Alfred Hitchcock, nel quale diventa fotografo di scena con rilevanti immagini tra cui quelle di Ingrid Bergman che lo aveva presentato al regista.
In seguito realizzò ritratti fotografici di Humphrey Bogart e John Houston, di Gina Lollobrigida e dell’ intensa Anna Magnani. Nell’ambito del Neorealismo realizzò inoltre straordinarie immagini sul set di Riso Amaro, con ritratti memorabili di Silvana Mangano e Doris Dowling.
Il suo stile inconfondibile privo di retorica gli consentì dunque di realizzare sempre immagini forti e potenti pubblicate nelle più importanti riviste internazionali, fra le quali Life e Picture Post.

Pablo Picasso with Françoise Gilot and his nephew Javier Vilato. Golfe-Juan, France, August 1948 © Robert Capa © International Center of Photography / Magnum Photos

La mostra, tra altro, è arricchita da una sezione dedicata alla collaborazione tra lo scrittore americano Steinbeck e Robert Capa che darà avvio al progetto “Diario russo”.
Nel 1947 John Steinbeck e Robert Capa decisero di partire insieme per un viaggio alla scoperta di quel nemico che era stato l’alleato più forte nella seconda guerra mondiale: l’Unione Sovietica. In questo Paese, tra i meno esplorati dai giornalisti, il reportage fa emergere l’ umanità delle persone e la bellezza dei luoghi superando i tanti pregiudizi dell’ epoca. Ne emerse un resoconto sulla vita quotidiana di un popolo ben lontano dall’American way of life con immagini che raccontano in maniera reale e priva di ideologia la vita a Mosca, Kiev, Stalingrado e nella Georgia ed è per questo che costituiscono un documento storico straordinario di un’epoca, tanto che il New York Times definí il Diario “un libro magnifico”.

Un’ altra sezione è dedicata alla nascita dello Stato d’Israele.

Robert Capa, ungherese di origine ebraica, emigrato in Germania e poi in Francia e negli Stati Uniti, fondatore della più famosa agenzia fotografica di sempre la Magnum Photos, con Henri Cartier-Bresson, David Seymour, George Rodger, William Vandivert, vi si recò per documentare la prima guerra arabo-israeliana del 1948 e le fasi iniziali della costituzione del nuovo Stato.
Insomma, Robert Capa ha utilizzato la fotografia per testimoniare una verità del difficile Novecento ed è riuscito a farlo sempre con passione e determinazione superando ogni convenzione.

Come e’ noto, durante la guerra francese in Indocina nel 1954, per riprendere una scena integrale mise il piede su una mina antiuomo e morì a soli 40 anni.

Abano Terme: 15 Gennaio 2022 – 05 Giugno 2022

Per info orari e biglietti: http://www.museovillabassiabano.it

Informazioni su annamariadipaolo

ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA
Questa voce è stata pubblicata in ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA. Contrassegna il permalink.